Skip Navigation LinksHome page > Album > 2006 > Premio Personalità Ludica Dell'Anno > Ennio Peres
Premio "Personalità Ludica Dell'Anno"

Ennio Peres

L'attività di Ennio Peres è caratterizzata da un'intensa divulgazione della cultura ludica, tanto da rappresentare un vero e proprio "ponte" di collegamento tra gli operatori del settore e il pubblico più vasto ed eterogeneo di lettori, curiosi, e appassionati del gioco.
Peres nell'anno 2005 ha intensificato questa sua opera e pubblicato ben otto libri, di cui quattro sul Sudoku, fenomeno ludico emergente dell'anno.
I suoi libri e le molteplici iniziative ludiche (da "il cruciverba più difficile del mondo" alle conferenze quali Giochi di magia matematica presso l'Università degli Studi di Modena e di Trieste) hanno avuto una larga diffusione, trasferendo la cultura del gioco anche ad altre culture, ampliando gli orizzonti del mondo ludico.
Curatore di varie e seguite rubriche di divulgazione ludica su La Stampa, Focus, Linus, Internazionale, Avvenimenti, laureato in matematica e già professore di informatica, scrive nel 2005 insieme a Susanna Serafini l'Elmo della Mente: primo manuale di trucchi, formule e sortilegi per giocare con la matematica, una materia che fa meraviglia e non più paura.
Molto noto per essere esperto di giochi logico-matematici, giochi di parole (celebri le sue performance di anagrammista nella sfida "uomo - macchina"), e cultore di giochi astratti (è Maestro di Othello) si è fatto apprezzare anche per le sue competenze in tutti i campi del gioco dimostrando di essere una figura poliedrica e diventando sempre più un autorevole punto di riferimento per giocatori, animatori, operatori del gioco.
Nel 1998 Ennio Peres fu nominato, nell'ambito di Gradara Ludens, "Personaggio Extraludico dell'anno", oggi occupa ufficialmente un ruolo importante e significativo nella comunità ludica italiana.
La sua visione culturale che integra in maniera originale sapere scientifico e umanesimo, la passione che riesce a comunicare con il suo mestiere di "giocologo" (termine da egli stesso coniato), ne fanno un personaggio che merita il riconoscimento di "Personalità ludica dell'anno 2005".